La GMG è ormai vicina! Nei parchi di Cracovia e nei luoghi degli eventi della GMG si stanno installando centinaia di confessionali mobili per i pellegrini che vorranno accostarsi al Sacramento della Riconciliazione. Sono stati progettati da Stanisław Niemczyk, un architetto considerato il "Gaudì polacco".

 

Sono circa 50 i giorni che mancano all'apertura della XXXI GMG di Cracovia. Una piccola delegazione del Servizio diocesano per la Pastorale Giovanile partirà lunedì alla volta di Cracovia per un fare un sopralluogo e per conoscere il Comitato Organizzatore polacco. Sul canale FB della Pastorale Giovanile vi terremo aggiornati circa il nostro itinerario. Vi faremo conoscere in anteprima i luoghi delle celebrazioni attraverso video e foto. Seguiteci! ;) 

Ecco il link alla pagina FB: https://www.facebook.com/Pastorale-Giovanile-Salerno-Campagna-Acerno-280215351923/?fref=ts

 

Mancano ormai poche settimane ancora all'evento più grande dell'anno per la Chiesa cattolica. E' arrivato allora il momento per "dare i numeri"! Allo stato attuale sono 815 i Vescovi registrati, ma se ne aspettano 1200. Per quando riguarda i pellegrini finora registrati sono 573.937, provenienti da 182 paesi. Le statistiche Presso l’ufficio della GMG contano di arrivare presto a 800.000 registrazioni per poi ritrovarsi circa due milioni di giovani per la messa finale con Papa Francesco del prossimo 31 luglio. I volontari sono già 21.000. I luoghi in cui si terranno le catechesi in 31 lingue diverse sono circa 283. Per la prima volta ci saranno anche le catechesi in cambogiano ed armeno. 160 sono le piazze in cui ci si potrà confessare. 360 sono gli artisti candidati a cantare, suonare, danzare e recitare. Al momento la classifica dei Paesi partecipanti vede in testa la Polonia, seguita dall’Italia con quasi 80.000 registrazioni, la Spagna con 37.000, la Francia con 34.000, Gli Stati Uniti con 23.334, la Germania con 16.755, il Brasile con 13.016 e l’Ucraina con 10.006.

 

18 maggio 2016 – Il Campus Misericordiae, a Brzegi (distante circa 12 km dal centro di Cracovia), sarà vasto oltre 250 ettari, capace di accogliere ben oltre due milioni di pellegrini, sarà il luogo che accoglierà i giovani pellegrini per la veglia del sabato (30 luglio) e la Messa conclusiva della GMG. L’area dell’altare è lunga 100 metri e alta 11. Ai lati dell’altare verranno poste due immagini, san Giovanni Paolo II e suor Faustina Kowalska, l’apostola della Divina Misericordia. Sarà presente anche una croce alta ben 32 metri. L'intera area sarà suddivisa in 103 settori. Come segno di carità tangibile che la GMG lascerà in eredità alla Chiesa polacca ci sarà una casa di riabilitazione per persone anziane e un capannone dove stoccare cibo da destinare ai poveri. Queste strutture saranno affidate e gestite dalla Caritas dell’arcidiocesi di Cracovia.

17 maggio 2016 - Ben 2700 saranno le bandiere installate nella città di Cracovia che accoglieranno i giovani durante i giorni della Giornata Mondiale della Gioventù. Oltre le bandiere vi saranno pure cartelloni illuminati con lo slogan "Sei pronto?", enormi cubi colorati con l'immagine di Papa Francesco e dei giovani, e indicazioni stradali per raggiungere i luoghi della GMG. Da Cracovia fanno sapere che la maggior parte delle decorazioni adorneranno la città dal 15 giugno e rimarranno fino a metà agosto. 

16 maggio 2016 - Si stanno definendo solo gli ultimi dettagli per la GMG di Cracovia del prossimo luglio. Tutto ormai è pronto! L'Arcivescovo di Cracovia, poche ore fa, ha rivolto ai giovani di tutto il mondo un invito: "Venite a Cracovia, vi aspettiamo, non abbiate paura!”. Ha così continuato: "La situazione  in Europa è delicata - aggiunge - ma il nostro Paese, la Polonia, è tranquillo. Non c’è pericolo, i servizi di sicurezza stanno facendo di tutto per assicurare che non ci siano problemi. Dico chiaramente ai giovani di non avere paura. Sarà una festa di fede, non un semplice divertimento. Il tema è sempre Gesù Cristo e quindi bisogna approfondire, pregare, stare insieme e gioire nell’essere cristiani insieme al Papa. In questo senso è fondamentale una pastorale giovanile”. Per la GMG ci sono prenotazioni di gruppi da 182 Paesi. 

E' stato presentato a Cracovia il programma del viaggio che il Papa compirà in Polonia dal 27 al 31 luglio prossimi in occasione della XXXI Giornata Mondiale della Gioventù.

Il Papa arriverà mercoledì 27 luglio all’aeroporto di Cracovia-Balice. I primi incontri sono quelli con il Presidente della Repubblica, con i membri del governo nazionale e con i vescovi polacchi. La sera, il programma prevede che all’arcivescovado di Cracovia il Papa si affacci alla stessa finestra dalla quale Giovanni Paolo II usava parlare con i giovani.

Giovedì 28 luglio è prevista la tappa a Czestochowa con una preghiera privata davanti all’icona della Madonna Nera e la Santa Messa in occasione del 1.050.mo anniversario del Battesimo della Polonia.

Venerdì 29 luglio sono previsti in mattinata la visita al campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau e nel pomeriggio la Via Crucis sulla Spianata di Cracovia.

Sabato 30 luglio, visita al Santuario della Divina Misericordia a Łagiewniki; il programma prevede che il Papa attraversi la Porta Santa e si rechi nella cappella in cui è sepolta Santa Faustina Kowalska. Quindi ci sarà la Santa Messa con i sacerdoti, i religiosi e i seminaristi. Nel Santuario, è previsto che il Papa confessi alcuni giovani; poi il pranzo con alcuni di loro. In serata, la Veglia di preghiera per la Giornata mondiale della gioventù.

Domenica 31 luglio, Papa Francesco celebra in mattinata la Santa Messa con l’invio dei giovani. Nel pomeriggio l'incontro con i volontari della GMG, il Comitato organizzatore e i benefattori. Infine, la cerimonia di congedo e la partenza per Roma.

02.12.2015 - Ad otto mesi dalla GMG, gli iscritti sono arrivati a 494mila. Sono suddivisi in 2.346 gruppi e provengono da 144 Paesi del mondo. Già oltre 20mila volontari hanno dato la loro adesione. Ne servono però almeno altri 3mila. I giornalisti previsti al momento sono 6500. I pellegrini che intendono gemellarsi sono già 100mila. Sono disponibili 280mila posti di cui circa 100mila già prenotati. Dall’Italia dovrebbero partecipare almeno 100mila giovani. Per quanto riguarda gli eventi, oltre alle tradizionali celebrazioni ci saranno catechesi e un pellegrinaggio al Santuario della Divina Misericordia. Come ad ogni GMG è stato organizzato il Festival dei giovani: Non solo arte e cultura ma per la prima volta anche tornei sportivi, calcio, rugby e breakdance. Inoltre ci saranno due iniziative promosse dalla Fondazione “Giovanni Paolo II”: una mostra con opere d’arte dei Musei Vaticani e un simposio sul tema dell’ecologia, alla luce della enciclica “Laudato sii”. Per gli alloggi il 60% dei pellegrini sarà ospitato dalle famiglie di Cracovia e della regione, mentre il restante 40% alloggerà in scuole, palestre, tendopoli. I pellegrini avranno buoni pasto utilizzabili in locali convenzionati o nei chioschi mobili. Chi ha problemi alimentari avrà una dieta apposita. Per quanto riguarda i trasporti, il pass del pellegrino permetterà l’utilizzo gratuito di autobus, tram e ferrovie. Sarà rafforzata la struttura sanitaria con 4mila volontari specializzati. Un punto delicato appare il rilascio dei visti di ingresso per i Paesi non appartenenti all’area Schengen. Il ministero degli Esteri polacco farà di tutto per favorire la più ampia partecipazione senza rinunciare alla sicurezza. Ribadita la disponibilità delle 42 diocesi polacche ad ospitare i gruppi di pellegrini nella settimana precedente allo svolgimento della GMG (20/25 luglio). 

30.11.2015 - Si è celebrata ieri, nel Santuario di San Giovanni Paolo II a Cracovia, una Messa alla fine del secondo incontro incontro preparatorio internazionale per la GMG di Cracovia 2016. Il cardinale Stanisław Dziwisz, arcivescovo di Cracovia, al termine della celebrazione ha rivolto ai presenti queste parole: "[...] In questi ultimi giorni abbiamo sperimentato di costruire una grande comunità di spirito. Abbiamo provato la gioia di essere Chiesa - la comunita' dei discepoli del Signore risorto. Certo siamo presi dalla preoccupazione di preparare bene, logisticamente, l'incontro di un'enorme massa di giovani pellegrini, ma ci preoccupiamo anche, e sopratutto, della preparazione spirituale. Desideriamo che gli ideali e i valori collegati con la Giornata Mondiale della Gioventù, già adesso si affermino nelle menti e nei cuori dei giovani cristiani in tutto il mondo.  Da qui, portate il nostro invito. Dite loro che li aspettiamo. La Chiesa di Cracovia vi aspetta tutti. Vi aspetta s. Giovanni Paolo II - patrono e guida dei giovani sulle strade della fede, della speranza e dell'amore. La gioventù polacca ha bisogno del vostro entusiasmo, della vostra fede, del vostro amore per la Chiesa e per Santo Padre Francesco, con il quale arriverete a Cracovia. Insieme con lui sperimenteremo la verità delle parole di Gesù, espresse del Discorso della Montagna: "Benedetti i misericordiosi, perché troveranno misericordia" (Mt 5,7). Vi auguro un felice ritorno alle vostre case e comunità. Che Dio vi custodisca sulle strade della vostra vita e del vostro servizio nella Chiesa di Cristo".

16.11.2015 - Nello scorso week-end il Direttore del Comitato organizzatore della GMG, don Grzegorz Suchodolski, intervenendo ad un incontro di universitari, ha affermato che la preparazione della GMG sta già portando alla realizzazione di una nuova struttura della pastorale giovanile in Polonia, che può contare sulla partecipazione qualificata di numerosi giovani e su un’intensa collaborazione tra le diocesi, finora piuttosto autoreferenziali. Egli ha osservato che il progetto pastorale non consiste in un “fascicolo” (che giace nella polvere delle librerie dei parroci) ma in una “mentalità comune”: tutti gli sforzi posti in atto fino ad ora - ha detto - convergono verso questo obiettivo vitale. Il Direttore ha anche parlato della preparazione spirituale della GMG per i giovani polacchi affermando che viene realizzata tramite un programma nazionale che prevede tre tappe, scandite dalla Parola di Dio, la liturgia e il servizio. Il primo anno è stato caratterizzato dall’attuazione dell’iniziativa “Chat con la Parola”, che ha visto i giovani impegnarsi a leggere e attualizzare il messaggio biblico. Le loro riflessioni, postate in internet, diventavano così il punto di riferimento per le omelie domenicali e l’occasione per continuare a riflettere e individuare comportamenti evangelici. Il secondo anno ha visto affermarsi il progetto “Cuore 2.0”, con al centro i due sacramenti dell’eucaristia e della riconciliazione. Giovani e preti si sono incontrati mensilmente per pregare, meditare, celebrare sia nelle singole parrocchie sia nelle zone pastorali. Con l’8 dicembre di quest’anno, inizierà il terzo momento titolato “Deo Profil”, centrato sul motto polacco “La vita nuova in Cristo”. L’obiettivo è quello di mettere in luce la forza umanizzante del messaggio cristiano. Alcune migliaia di giovani si sono preparati e nei prossimi mesi andranno ad animare i coetanei per aiutarli ad approfondire alcuni pilastri della vita spirituale: Dio ti ama; il peccato ti allontana da Dio; Gesù è l’unico salvatore. Il percorso si conclude con una grande celebrazione che vedrà il rinnovo delle promesse battesimali.

La GMG non si risolve in un momento solo spirituale, ma ha dato vita a iniziative di servizio e attenzione ai poveri. Intanto, è in atto l’iniziativa “Un biglietto per il fratello”, che vede i giovani impegnati a raccogliere fondi per far partecipare altri giovani poveri, soprattutto dell’Europa dell’Est. In quest’anno, inoltre, saranno attivi pure i “giovani missionari della misericordia”, che collaboreranno soprattutto con i centri della Caritas. E alla fine dell’evento, si è deciso di non edificare un monumento ma di costruire una casa di accoglienza per poveri, anziani e persone disabili.

La GMG prevede cinque grandi celebrazioni, tre a Cracovia e due in una cittadina a poca distanza da lì. Un elemento poco noto, è che la GMG farà memoria dei 1050 anni del battesimo della nazione polacca (966 d.C.). Il millenario non si poté celebrare perché le autorità di allora non consentirono a Paolo VI di entrare in Polonia. Tra le sfide che la GMG porta con sé – e nello stesso tempo, tra i frutti sperati – c’è il coinvolgimento delle famiglie e la rivitalizzazione del loro tessuto cristiano. Su di loro grava tutto il peso dell’accoglienza (una cittadina di 750.000 abitanti si prepara ad ospitare oltre due milioni di giovani); alla loro formazione e coinvolgimento si sta già pensando per il dopo GMG. Un ampio spazio di confronto ha consentito poi di approfondire vari aspetti catechetico-pastorali ed educativi. 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione: privacy policy.

  
EU Cookie Directive Module Information